La nostra storia

La famiglia della speranza è un'associazione internazionale di fedeli, approvata dal Pontificio Consiglio per i Laici della Chiesa cattolica. Una nuova comunità nata tra le più bisognose.

All'inizio, i fondatori, fra Hans, Nelson Giovanelli, Luci Rosendo e Iraci Leite, volevano solo osservare il comandamento di amare il prossimo come se stessi attraverso due carismi: l'unità e il francescano. All'epoca, tutti e quattro, comunque, nessuno aveva la dimensione di ciò che sarebbe diventato la Famiglia, o quante persone avrebbero scoperto la propria vocazione attraverso di essa.

Oggi è un'opera internazionale chiamata ad assumere la sua dimensione missionaria, sforzandosi di rendere le sue comunità e lavora veri centri di spiritualità ed evangelizzazione.

"Lo scopo della Famiglia è santificare i suoi membri attraverso la pratica dell'amore reciproco, vivendo le Parole del Vangelo, l'Eucaristia e altri sacramenti, l'adesione gioiosa a Gesù Abbandonato e l'imitazione della Vergine Maria, la Madre della Speranza. Cerca di soddisfare, nei servizi e nelle opere, le risposte del Vangelo ai problemi e alle sofferenze dell'umanità, contribuendo al soddisfacimento del desiderio di Gesù: "Che tutti possano credere al mondo" (Jn 17,21) ". (Latte di iraci)

L'arcivescovo Aloísio Lorscheider, allora arcivescovo di Aparecida, SP, ha firmato l'autorizzazione della Famiglia della Speranza a 24 dicembre 1999, facendola riconoscere a livello diocesano. Su 2010, ha ricevuto il primo decreto di approvazione che è entrato in vigore per cinque anni. Successivamente, l'approvazione definitiva a 2015 da parte del Pontificio Consiglio per i Laici ha confermato che si trattava di un proprio carisma ispirato da Dio: la speranza.


Il carisma

Pertanto, resta inteso che il lavoro sull'è un'occupazione semplice, ma una vocazione e che il Signore

è donando un carisma, quello di Esperança.

(Decreto di approvazione della famigliaioletto da Esperança)

Durante i loro anni di lavoro, la Famiglia della speranza ha aiutato migliaia di giovani in tutto il mondo a liberarsi dalla dipendenza. Scoprì che il suo carisma è Speranza, che motiva uomini e donne a diventare "nuovi uomini" e "nuove donne" e quindi ad assumere la missione di "portare Speranza, Gesù Cristo, al maggior numero di giovani". da tutto il mondo ".

Una risposta alla richiesta della Chiesa nella persona di Papa Benedetto XVI:

"... Porta speranza, Gesù Cristo, al maggior numero possibile di giovani ..." Vogliamo creare opportunità in Brasile e all'estero per inviare giovani volontari nelle nostre comunità, Fazendas da Esperança, per vivere con i giovani che sono nel processo di recupero, al fine di promuovere nuovi modi di vivere, la pratica del lavoro come fonte. di autostima e l'esperienza di una spiritualità di comunione.

La Famiglia ha come fonte ispiratrice Gesù che è presente in ogni vicino, in particolare i più bisognosi, e come vocazione, per vivere con loro in primo luogo e avere con loro l'amore libero e una dedizione speciale.


vocazioni

La nostra vocazione: ... dai una risposta concretaès da

vivêVangelo, alle sofferenze dell'umanità.

La vocazione alla Famiglia della Speranza può essere sperimentata attraverso i membri della vita comune: proteggono la vita interiore della comunità e la proteggono dall'influenza del mondo. Dai volontari più esigenti o disponibili della speranza, che conducono questa stessa vita nel mondo influenzando le strutture sociali di ogni tipo. In queste dimensioni vivono celibi, coniugi, sacerdoti e single. Questi vivono insieme e offrono la vita per i loro fratelli gratuitamente. Non cercano di essere niente per amore.



Facebook Farm Hope Twitter Farm Hope Instagram Farm Hope Social Networks

Prega per noi! Nostra Signora di Aparecida #FarmHope #SantodoDay

Un post condiviso da Fazenda da Esperança (@fazendaesperanca) su