01/05/2020

Testimonianza: maggio 2020

Gustavo Passos

Testimonianza: maggio 2020

Dei tredici anni che ero lontano da casa, dieci sono andati senza parlare con mia madre. Posso dire di aver raggiunto il fondo, quel periodo in cui non ci amiamo nemmeno, tanto meno il prossimo.

Anche con la distanza, ci fu un momento in cui mi resi conto che la soluzione sarebbe stata quella di chiamare mia madre, perché non avevo più un posto dove vivere, ero senza lavoro e denaro. Quindi, mia madre disse che non potevo stare a casa in quel modo, avrei dovuto accettare la proposta di andare a riprendermi alla Fazenda da Esperança. Quindi sono arrivato per riprendermi.

Mia madre venne per la prima visita, ma non potevo parlare bene o abbracciarla. Mi ha fatto molto male, io innaffioci fu molto male. Durante un'adorazione ho iniziato a piangere e, con un abbraccio, ho chiesto perdono; la sua risposta fu: “Figlio, non devo perdonarti. Quando ti ho portato qui, ti avevo già perdonato ”. Poi mi ha perdonato per tutto quello che avevo fatto e mi ha aiutato a fare molti passi nel periodo di recupero, comprendere meglio il carisma della speranza.

Oggi non vivo solo questo carisma, ma tutta la mia famiglia. Nonostante sia assente, mia madre viene il sabato prima della visitaae fa volontariato presso la Casa de Apoio Sol Nascente, che accoglie i pazienti con AIDS terminale, come una forma di donazione e gratitudine che la nostra famiglia ha per la fattoria.

Il risultato di tutto ciò è che, ora, il mio rapporto con mia madre è il migliore possibile. Posso abbracciarla, parlare e parlare di tutti i problemi. Senza dubbio, sono riuscito a porre fine alle ferite che ho avuto nei suoi confronti e posso dire che è la mia migliore amica. Il valore che mia madre ha per me non ha prezzo!

Facebook Farm Hope Twitter Farm Hope Instagram Farm Hope Social Networks

Prega per noi! Nostra Signora di Aparecida #FarmHope #SantodoDay

Un post condiviso da Fazenda da Esperança (@fazendaesperanca) su