22/05/2020

Oggi la Chiesa celebra Santa Rita di Cassia

Santa Rita è la patrona delle fattorie di Garanhuns / PE, Gararu / SE e Goiânia / GO

Oggi la Chiesa celebra Santa Rita di Cassia

GARANHUNS / PE


L'unità femminile è stata donata nel 2004 dal Comune di Garanhuns / PE, per impiantare una comunità terapeutica femminile. Alcuni rifugi vengono accolti con i loro figli minori quando non possono stare con le loro famiglie. E così la metodologia della casa è stata delineata in pratica, usando una delle case come asilo nido domestico per i bambini che hanno bisogno sia della convivenza e dell'amore delle loro madri sia delle attività speciali per la loro crescita, in base alla loro età.

GARARU / SE

Questa unità maschile nacque attraverso le richieste dei responsabili, all'epoca, dell'unità di Lagarto / SE, e del vescovo D. Mário Rino Sivieri, di Sergipe, all'Istituzione, per impiantare un'unità sulla proprietà dove precedentemente c'era lavoro con minori in situazione rischio e che era disabilitato, a Gararu / SE. Il Consiglio ha autorizzato per un certo periodo di funzionare insieme alla Fattoria Lagarto, diventando una nuova unità legale e con il proprio Consiglio locale il 05/10/2005.

GOIÂNIA / GO

L'unità femminile è nata attraverso la volontaria Sig. Maria Alice Roriz Camara, che dopo anni di assistenza in unità nello stato di Tocantins ha sentito il desiderio di creare una Fazenda da Esperança a Goiânia. Questo desiderio fu condiviso con l'arcivescovo D. Washington Cruz, che era d'accordo con l'idea, poiché conosceva già il fondatore della Fazenda da Esperança, per la partecipazione al carisma francescano e al Movimento dei Focolari. Il sito per l'impianto è stato donato dalla Società Agostiniana per l'Educazione e l'Assistenza, approfittando dell'installazione dell'antica opera sociale Jesus Bom Pastor, che fungeva da centro di recupero. L'09/11/2016 si è svolta una celebrazione eucaristica, con la presenza dei due fondatori di Fazenda da Esperança, Iraci da Silva Leite e Lucilene Rosendo dos Santos per annunciare alla società che ci sarebbe stata una nuova unità Fazenda da Esperança in città, il che è stato inaugurato nel 2017.

Biografia di Santa Rita de Cássia

Santa Rita de Cássia non ha avuto una vita facile. Era una figlia obbediente e una moglie fedele, ma maltrattata da suo marito. È diventata vedova e ha visto morire i suoi figli. Tuttavia, il suo amore per Gesù Cristo l'ha portata ad essere la santa dell'impossibile e patrona di coloro che hanno bisogno di miracoli che Dio compì durante la sua vita e dopo la sua morte. La sua festa si celebra il 22 maggio.

Nacque nel 1381, in Italia, in un momento di conquista, ribellione e corruzione. Come i suoi genitori, era analfabeta, ma Dio le diede la grazia di leggere. Voleva essere religiosa, ma i suoi genitori scelsero un marito e lo accettò obbedientemente.

Suo marito aveva cattive abitudini, beveva molto, era un donnaiolo e la maltrattava. Ma Santa Rita rimase fedele nella preghiera. Avevano figli gemelli che avevano lo stesso temperamento del padre. Dopo 20 anni di matrimonio, suo marito si convertì, Rita lo perdonò e insieme si avvicinarono ancora di più alla vita di fede. Un giorno, non tornò a casa e fu trovato assassinato.

I bambini giurarono di vendicare la morte del padre e il dolore di Santa Rita aumentò ancora di più. Nemmeno i loro motivi li hanno costretti a rinunciare. La madre in difficoltà supplicò il Signore di salvare i suoi figli e di togliersi la vita prima che si condannassero a un peccato mortale. Pertanto, entrambi hanno sofferto di una terribile malattia e prima di morire hanno perdonato gli assassini.

Più tardi, Santa Rita voleva unirsi alla congregazione delle suore agostiniane, ma non fu facile, perché era stata sposata e per via della morte oscura di suo marito. Si mise in preghiera e una notte sentì che il suo nome veniva chiamato tre volte. Aprì la porta e trovò Sant'Agostino, San Nicola di Tolentino e San Giovanni Battista, di cui era molto devoto.

Le chiesero di seguirli e, dopo aver camminato per le strade, sentì che la stavano sollevando in aria e la spingevano delicatamente verso Cassia fino a quando non fu in cima al Monastero di Santa Maria Madalena. Lì, era estatico e quando arrivò, era all'interno del monastero e le suore agostiniane non potevano più negare il suo ingresso nella comunità.

Fece la sua professione religiosa nello stesso anno (1417) e fu messo alla prova con prove difficili dai suoi superiori. Santa Rita ricevette gli stimmi e i segni della corona di spine sulla sua testa. A differenza di altri santi con questo dono, le sue ferite emanarono un cattivo odore e dovette vivere isolata per molti anni.

Dopo una grave e dolorosa malattia, partì per la Casa del Padre nel 1457. La ferita alla spina sulla fronte scomparve e rimase una macchia rosso rubino, che aveva un delizioso profumo. Il tuo corpo rimane incorrotto.

Fonte: Biografia di Santa Rita tramite ACI Digital

Facebook Farm Hope Twitter Farm Hope Instagram Farm Hope Social Networks

Prega per noi! Nostra Signora di Aparecida #FarmHope #SantodoDay

Un post condiviso da Fazenda da Esperança (@fazendaesperanca) su