28/10/2020

Oggi la Chiesa celebra São Simão, Canaaneu e São Judas Tadeu

Impara a conoscere i due apostoli.

Oggi la Chiesa celebra São Simão, Canaaneu e São Judas Tadeu
Simone, nativo di Cana, appartenente alla tribù di Neftali o Zabulon, chiamato anche zelota e cananeo, è forse il più sconosciuto degli apostoli. Per essere distinto da São Pedro, viene chiamato Simão, "il cananeo" dagli evangelisti Mateus e Marcos. Alcuni studiosi cristiani capiscono che questo "cananeo" potrebbe essere un riferimento a Canaan. Il Vangelo di San Luca e il libro degli Atti degli Apostoli lo chiamano “lo zelota”: questo soprannome sembra indicare che Simone apparteneva all'omonimo partito ebraico radicale. I radicali zeloti, o zeloti, predicavano la lotta armata contro i dominatori romani.

È noto che Simone, come tutti gli altri apostoli dei primi tempi del cristianesimo, dopo la Pentecoste lasciò Gerusalemme predicando il Vangelo senza prendere nulla. Compì molti miracoli, guarì i malati, i lebbrosi e scacciò gli spiriti maligni. 

Altri rapporti parlano della predicazione di Simone anche in Egitto, Libia e Mauritania. Secondo Eusébio, un famoso storico, Simão fu il successore di Giacomo sulla cattedra di Gerusalemme, negli anni della tragica distruzione della città santa. 

Un'antica tradizione dice che Simone incontrò l'apostolo Giuda Tadeu in Persia e, da allora, viaggiarono insieme. Hanno viaggiato attraverso le dodici province dell'Impero Persiano, lasciando la conoscenza storica e religiosa come si trova in un antico libro del tempo chiamato "Atti di Simone e Giuda", di un autore sconosciuto. Dice che il 28 ottobre 70 ci fu l'assassinio dell'apostolo, preoccupato dell'eloquenza della predicazione che convertì intere folle. 

Giuda Taddeo nacque a Cana di Galilea, in Palestina, figlio di Alfeo, chiamato anche Cleofa, e Maria Cleofa, entrambi parenti di Gesù. Il padre era un fratello di São José; la madre, cugina-sorella di Maria Santissima. Quindi Giuda era il primo fratello e fratello di Gesù di Giacomo, chiamato l'Inferiore, anche lui discepolo di Gesù.

Giuda Taddeo era l'apostolo che nell'ultima cena chiese a Gesù: "Maestro, perché ti manifesti a noi e non al mondo?" Gesù ha risposto che la vera manifestazione di Dio è riservata a coloro che lo amano e osservano la sua parola.

Dopo la discesa dello Spirito Santo, gli Apostoli cercarono il loro campo di evangelizzazione e Giuda Taddeo andò in Siria, Mesopotamia e Armenia. Nel 63 prese parte al Consiglio Apostolico di Gerusalemme, che elesse Simone, fratello di Giuda, vescovo e successore di San Giacomo Maggiore. Da São Judas Tadeu c'è un'epistola, l'ultima delle epistole cattoliche scritte nel canone dei libri sacri e riconosciute dalla Chiesa. Questa epistola, secondo l'opinione di molti, Giuda la indirizzò agli ebrei cristiani (ebrei convertiti al cristianesimo) in Palestina.

La tradizione dice che San Giuda Tadeu viaggiò attraverso le dodici province dell'Impero Persiano, nelle quali predicò la Buona Novella del Vangelo e convertì molti pagani.

Quello che sappiamo, infatti, è che l'apostolo Giuda Tadeu divenne un martire della fede. La sua predicazione e la sua testimonianza furono così intense che i pagani si convertirono. È stato assassinato a colpi di bastoni, lance e asce. Tutto sarebbe successo il 28 ottobre 70. Nicéforo e altri riferiscono che Giuda è morto a Edessa. Altri, invece, dicono che abbia subito il martirio in Persia.

Considerato dai cristiani il santo intercessore di cause impossibili, fu dalla devozione di santa Gertrude che la sua fama si rafforzò nel mondo cattolico. Ella, nella sua biografia, ha riferito che Gesù le aveva consigliato di invocare san Giuda Taddeo anche nei “casi più disperati”. Dopodiché, il numero dei devoti è aumentato del loro potere di risolvere cause che sembrano irrisolte. La tradizione dice che non c'è un devoto che ha chiesto il suo aiuto e non è stato assistito. 

La festa di São Judas Tadeu si celebra il 28 ottobre, sia nelle chiese occidentali che in quelle orientali.

Le spoglie di San Giuda Taddeo, conservate prima in Medio Oriente e poi in Francia, ora si ritiene che i corpi di San Simone e San Giuda Taddeo si trovino nella cattedrale di San Pietro a Roma.

 

Fonte: Aleteia

Facebook Farm Hope Twitter Farm Hope Instagram Farm Hope Social Networks

Prega per noi! Nostra Signora di Aparecida #FarmHope #SantodoDay

Un post condiviso da Fazenda da Esperança (@fazendaesperanca) su